Browsing Tag

Pesce

Pesce

A CAPODANNO: ANTIPASTO CAPESANTE UBRIACHE

L’antipasto d’effetto per iniziare bene in Cenone di Capodanno! Fresco, leggero e comodo! Perchè prepararlo in anticipo è consigliabile, soprattutto per far marinare le capesante nella vodka, l’unico passaggio da rimandare in questo caso è l’aggiunta del sale e del limone che altrimenti cuocerebbero i molluschi.

INGREDIENTI per 4 persone
12 capesante
2 lime
i semi di metà melograno
1 peperoncino fresco
2 cucchiai di vodka
4 cucchiai di olio d’oliva
qualche ciuffo di coriandolo fresco tritato
sale a scaglie

Pulite le capesante, dividendo le noci dal corallo (che terrete da parte per eventuali sughi di pesce), affettate ogni noce per ottenere quattro lamelle sottili. Disponetele in quattro piatti o nelle conchiglie sciacquate e asciugate. Spremete i lime, uniteli all’olio e alla vodka ed emulsionate con una forchetta. Irrorate le capesante con il condimento, aggiungete il peperoncino tagliato finemente e privato dei semi, i chicchi di melograno, qualche foglia di coriandolo, un pizzico di sale e servite.

Menù

IL BARBECUE ESTIVO

 

barbecue estivo

Quando dalla carne si passa a grigliare il pesce è segno che l’estate è ormai inoltrata, e le cene all’aperto viaggiano a pieno ritmo. Ecco alcune idee per una serata tra amici, nel mio caso in realtà si tratta della cena dell’ufficio…troppe volte i ragazzi mi hanno sentito parlare di piatti e menù senza effettivamente toccare  con mano il risultato. Questa volta gli invitati loro, capo compreso (ovvero mia madre…)

seafood barbecue

La scelta del pesce deriva dall’avversione  verso la carne della mia adorata segretaria, ma la verità è che anche  me piace provare a buttare sulla brace ingredienti diversi dalla famosa “fiorentina”. Stasera si comincia con le note COZZE UBRIACHE, e si prosegue con una grigliata mista di POLPO CROCCANTE, SPIEDINI DI MAZZANCOLLE LIME E TEQUILA e CALAMARI FISARMONICA CON MENTA E PEPERONCINO. Di contorno è sufficiente una bella insalata, qualche fetta di pane abbrustolito e per chiudere uno stecco gelato…o forse due!!

jelena e sarahsandro e gli stecchi gelato

Pesce

SPIEDINI DI MAZZANCOLLE LIME E TEQUILA

Puntata finale e pezzo forte della grigliata di pesce. Questa ricetta prende spunto da una marinata per pesce crudo, ma sempre per sfruttare al meglio il barbecue ho pensato “perchè non ci facciamo degli spiedini?”. Visto che c’erano già diverse preparazioni in ballo ci voleva un’idea facile (come sempre!) ma diversa dal solito, e soprattutto che sapesse di estate al mare.

INGREDIENTI per 4 persone
32 mazzancolle (o gamberi) medi
4 cucchiai di tequila
6 lime
1 peperoncino fresco
olio evo
sale

spiedini gamberi lime e tequila

Sciacquate brevemente i mazzancolle sotto l’acqua corrente ed eliminate il carapace dalla coda, lasciando attaccata la parte finale e la testa. In una ciotola versate la tequila e unite il succo e la scorza di due lime e il peperoncino. Sbattete leggermente gli ingredienti con una forchetta per emulsionarli bene e aggiungete  i mazzancolle, rigirandoli nella marinata. Coprite la ciotola e lasciate riposare i crostacei in frigo per un’ora circa. Nel frattempo tagliate gli altri lime a metà e poi a fette larghe circa mezzo cm, ne dovrete ricavare 24. Togliete i mazzancolle dal frigo e scolateli dalla marinata che terrete da parte, infilatene 4 per ogni spiedino alternandoli con le fette di lime, conditeli con un filo d’olio e un pizzico di sale e appoggiateli sul barbecue ben caldo. Cuocete gli spiedini 3 minuti circa per lato, sistemateli sul vassoio da portata, irrorateli con un po’ di marinata e servite!

Pesce

CALAMARI FISARMONICA AL PEPERONCINO E MENTA

Ecco la seconda puntata delle ricette dedicate al barbecue. Il nome del piatto dipende dalla forma che daremo al calamaro, a cantare invece ci penserete voi dopo averlo assaggiato! Io me ne sono innamorata a prima vista, anzi al primo boccone. Il trucco sta sempre nel condimento, fresco e speziato, anche perché il cefalopode di per sé non è poi così saporito, quindi ci possiamo sbizzarrire.

calamari e peperoncino
INGREDIENTI per 4 persone
4 calamari
1 cucchiaino di sale
10 foglie di basilico
1 limone
1 peperoncino fresco grande
10 foglie di menta
pepe
olio evo

sale al basilico

Pulite i calamari oppure, come suggerisco sempre, chiedete al pescivendolo di farlo per voi. Eliminate la pelle e distendete un calamaro con le ali appoggiate al tagliere , prendete poi un coltello grande e inserite la lama all’interno del calamaro, con un altro coltello fate dei tagli orizzontali come se doveste ottenere degli anelli, in questo modo si taglierà solo la parte superiore del mantello assumendo l’aspetto della fisarmonica. Ripetete per gli altri calamari. In un mortaio pestate il sale con il basilico fino ad ottenere una pasta e mettete da parte. Grattate la scorza del limone in una ciotola, spremetene poi il succo e aggiungete la stessa quantità di olio, tagliate ad anelli sottili il peperoncino e tritate la menta, unite le spezie all’emulsione di olio e limone, finite con una macinata di pepe e sbattete leggermente con una forchetta per amalgamare bene gli ingredienti. A questo punto accendete il barbecue e condite i calamari con il sale al basilico, spalmandolo sopra con le dita, fate la stessa cosa anche con i tentacoli. Posizionate il tutto sul lato del barbecue non troppo caldo e cuocete per circa 5 minuti girando spesso per evitare che si attacchino alla grata o induriscano troppo. Quando saranno pronti sistemateli su un vassoio e irrorateli con il condimento, e quando dico irrorare intendo versate senza indugio tutto il contenuto della ciotola sui 4 calamari e i relativi tentacoli.

Pesce

POLPO CROCCANTE

Prima di una serie di ricette di brace seafood, e forse quello con la preparazione più lunga perchè prevede una doppia cottura. I passaggi però sono semplicissimi e la ricetta oltretutto è leggera! Adatta quindi a non sconvolgere i risultati ottenuti per presentarsi degnamente alla prova costume.

DSC_2878

INGREDIENTI per 4 persone
1 polpo da 1 kg
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di aceto
1 cucchiaino di sale grosso
2 rametti di rosmarino
olio evo
sale maldon

Sciacquate il polpo sotto l’acqua corrente e assicuratevi che sia ben pulito, tagliatelo in due punti eliminando la parte centrale del corpo dove si trovano gli occhi (in pratica dovrete avere la testa da una parte e la parte dei tentacoli dall’altra). Riempite di acqua fredda un tegame, inseriteci il polpo, l’aceto, lo spicchio d’aglio e i rametti di rosmarino. Mettete sul fuoco il tegame e fate sobbollire lentamente per mezz’ora dall’inizio del bollore. spegnete il fuoco e lasciate il polpo nell’acqua finchè non si sarà freddata. Quando è ben freddo estraetelo dal tegame, asciugatelo tamponandolo con carta da cucina e dividete i tentacoli in più parti (circa tre tentacoli per pezzo). Inserite in ogni parte uno spiedino di metallo (tre per i tentacoli e uno per la testa), ungete con un po’ di olio e appoggiate sulla brace ben calda, fare grigliare il polpo 5 minuti per lato ed è fatta. Condite con sale maldon e servite.

DSC_2930