Browsing Tag

Primi

Riso

A CAPODANNO: RISOTTO LIMONE E VANIGLIA CON TARTARE DI GAMBERI

Questo primo piatto, elegante e delicato, si presta perfettamente per il Cenone di Capodanno. Inoltre la preparazione è davvero semplicissima, niente più di un semplice risotto profumato con accostamenti e aromi insoliti.

INGREDIENTI per 4 persone
280 gr di riso carnaroli
1 cipolla bianca
brodo vegetale
vino bianco
1 bacca di vaniglia
la scorza di mezzo limone
burro
16 code di gamberi
olio evo
sale
pepe

Tritate la cipolla e fatela imbiondite in pentola con una noce di burro, aggiungete il riso e tostatelo per qualche minuto, sfumate con il vino e versate il brodo un po’ alla volta fino a cottura del risotto. Nel frattempo tritate le code di gambero e conditele con un filo d’olio, un pizzico di pepe e di sale. Dividete la bacca di vaniglia a metà per il lungo e prelevate i semi passandoci sopra la lama del coltello, unite i semi al risotto insieme alla scorza di limone tenendone un poco da parte per guarnire. Mantecate il riso con un’altra noce di burro e stendetelo nei piatti, guarnite con la scorza messa da parte e, con l’aiuto di un coppapasta, mettete al centro la tartare di gamberi.

Pasta

GNOCCHI ALL’ACCIUGA E ZUCCHINE CON CREMA DI MOZZARELLA E PISTACCHI

Dopo un lungo inverno e e davvero troppi impegni di lavoro, finalmente torno a postare! Ecco un’idea perfetta per celebrare l’arrivo della tanto attesa primavera: gnocchi! Gli altri ingredienti sono tra i miei preferiti in assoluto, zucchine novelle cresciute sotto la luce del sole vero, acciuga che ci sta sempre bene e mozzarella che anticipa l’estate (anche se quella buona campana sarebbe da mangiare a morsi tutto l’anno!)

gnocchi zucchine acciuga e crema di mozzarella

INGREDIENTI per 4 persone
500 gr di patate
1 uovo grande
150 gr di farina 00
1 pizzico di sale
1 pizzico di noce moscata
4 zucchine romane
4 filetti di acciuga
granella di pistacchi
1 spicchio d’aglio
olio evo
basilico
300 gr di mozzarella di bufala
latte qb

crema di mozzarellazucchine

Preparate gli gnocchi: lavate molto bene le patate e lessatele con tutta la buccia in acqua bollente salata per circa 40 minuti. Una volta cotte sbucciatele ancora calde e passatele nello schiaccia patate, aggiungete sale, noce moscata e l’uovo sbattuto alternato con la farina. Una volta uniti tutti gli ingredienti, lavorate l’impasto sul piano di lavoro finchè non sarà più appiccicoso, cercate però di non lavorarlo troppo altrimenti gli gnocchi diventeranno collosi. Formate dei piccoli filoni spessi circa 2 centimetri e ricavatene gli gnocchi della dimensione che preferite, tagliandoli con un coltello. Sistemateli via via su un vassoio ricoperto di carta forno e spolverato di farina. A parte tagliate le zucchine a bastoncini e fatele rosolare per qualche minuto in una padella dove avrete sistemato un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e i filetti di acciuga, aggiungete il basilico e una macinata di pepe e continuate la cottura ancora due minuti. Tagliate la mozzarella a cubetti e versatela nel bicchiere del minipimer, aggiungete un goccio di latte, un po’ di siero e una macinata di pepe e frullate fino ad ottenere una crema, se necessario aggiungete altro latte e siero. Lessate gli gnocchi in acqua salata finchè non vengono a galla, passateli nella padella con le zucchine due cucchiai di acqua di cottura, servite in fondine in cui avrete versato due cucchiai di crema di mozzarella, finite con una spolverata di granella di pistacchi e BUONA PRIMAVERA A TUTTI!

Pasta

LAST MINUTE NOODLES

Negli ultimi anni mi preparo cibi che ricordano l’oriente almeno una volta la settimana, vanno addirittura più di moda questi piatti nella mia cucina che i ristoranti giapponesi a Milano. La verità è che le spezie mi sono sempre piaciute, e la facilità con cui vengono mescolate nelle cucine Thai o Vietnamita mi affascina moltissimo. Io dalla mia invento, cercando di rispettare alcuni schemi che ho carpito dal loro modo di cucinare. I noodles come li troverete sotto sono il piatto che preparo più spesso perché, come anticipato nel titolo, sono velocissimi. Gli ingredienti poi possono cambiare secondo le stagioni e le preferenze: in estate fagiolini come in inverno cimette di broccolo, con gamberi o con pollo. L’importante è che le spezie non manchino mai.

Ingredienti per 4 persone:
200 gr di spaghetti di riso
500 ml di latte di cocco (una lattina)
500 ml di brodo vegetale
100 gr di piselli
100 gr di fagiolini
16 code di gamberi
2 cipollotti bianchi grandi
Un mazzetto di coriandolo
Due peperoncini freschi
Salsa di pesce
Salsa di soia
Olio evo

Tagliate il cipollotto a rondelle sottili e i fagiolini a bastoncini di 3 cm circa. In una padella dai bordi alti (l’ideale è il classico wok) versate un filo d’olio e fate rosolare tutte le verdure con il peperoncino intero (fondamentale non tagliarlo a fettine per evitare successive ustioni della lingua!), dopo un paio di minuti aggiungete un cucchiaino di salsa di pesce e un cucchiaio di salsa di soia. Mescolate un attimo e versate sopra il brodo vegetale, lasciate cuocere a fiamma dolce per 5/6 minuti, o comunque finché i fagiolini non sono cotti ma sempre croccanti. A questo punto aggiungete il latte di cocco e i noodles, che si cuoceranno direttamente nella zuppa in tre minuti circa. Alla fine inserite nel wok le code di gamberi per le quali è sufficiente il calore del brodo per cuocere (se decidete di usare il pollo, scegliete il petto e tagliatelo a bocconcini di 1 cm, per arrivare a cottura uniteli alla zuppa insieme ai noodles). Spegnete il fuoco e concludete con abbondanti foglioline di coriandolo intere. Servite in ciotole da tenere in mano e soprattutto scansate il peperoncino!

Ricette Autunnali Verdure

RAGU’ BIANCO DI FINFERLI

Finalmente è arrivata la stagione dei funghi!! Me li mangerei tutti i giorni, salvo poi ingerire Malox fino a Dicembre…Appena tornata in città mi sono fiondata al mercato di Sant’Ambrogio dal mitico Maurizio e ho fatto incetta, e visto che lui, prendendomi un po’ in giro, si definisce il “Master” dei funghi, aveva una scelta eccezionale. Oltre ai classici porcini, ho comprato i finferli, perfetti per un bel sugo da accompagnare a un bicchiere di vino rosso.Finalmente è arrivata la stagione dei funghi!!

finferli per ragù

INGREDIENTI per 4 persone 500 gr di finferli
2 fette sottili di lardo di colonnata
100 gr di macinato di manzo
mezza cipolla
1 costa piccola di sedano
mezza carota
mezzo bicchiere di brodo vegetale
sale
pepe
vino bianco
qualche ago di rosmarino

soffritto

Sciacquate velocemente i finferli sotto l’acqua corrente per eliminare la terra, asciugateli subito tamponandoli con della carta da cucina e tagliateli grossolanamente. Lavate e mondate le verdure e inseritele nel tritatutto per ottenere un soffritto molto fine, in alternativa e con un po’ di pazienza potete farlo con il coltello. Tritate grossolanamente anche il lardo e mettetelo a sudare in una casseruola, quando sarà sciolto aggiungete il rosmarino e il soffritto, fate rosolare il tutto per cinque minuti circa poi unite anche la carne macinata, lasciate andare per altri due minuti e mettete in pentola anche i finferli, un pizzico di sale e una macinata di pepe, mescolando il tutto. Aggiungete un goccio di vino bianco e fatelo sfumare, poi versate il brodo e fate cuocere a fiamma dolce per venti minuti circa o comunque fino a quando il sugo non sarà più liquido ma cremoso. Nel frattempo buttate la pasta che preferite, scolatela molto al dente e fatela mantecare bene in pentola con il ragù, poi afferrate una forchetta e avventatevi con gioia su questa prelibatezza!

Pasta

GLI SPAGHETTI DI SALVATORE

Questa ricetta si ispira in realtà ai famosi spaghetti alla Nerano, tipici della penisola sorrentina. Il mio grande amico Salvatore me li ha insegnati una sera d’estate mentre partecipavamo a quel famoso talent di Sky… ci tengo a precisare che “me li ha insegnati” perché alla fine cucinavo sempre io per la mia cricca di ometti (Salvatore, Almo e il meraviglioso Alberto). Al richiamo telefonico sul numero della camera “Enrì sali l’acqua bbbolle!” mi sono risvegliata dal mio torpore serale (le giornate erano un filo faticose…) ed entrando da Salvatore ho trovato delle zucchine fritte alla perfezione e il mitico “provolone del monaco”, devo dire che il risultato finale è stato sublime, soprattutto dopo l’ennesima giornata passata a fare riduzioni, culis, caramellizzazioni, affumicature ecc.! Ieri sera, presa da un languore di nostalgia e spinta da un pezzettone di provola che mi chiamava dal frigo, ho fatto un tuffo nel passato e mi sono preparata gli spaghetti di Salvatore tutti per me.

Ingredienti per 4 persone:
400 gr di spaghetti
4 zucchine medie
200 gr di provolone del monaco grattugiato (per noi gente più a nord si può ripiegare su provolone normale)
Qualche foglia di basilico
Olio d’oliva
Pepe

Lavate e tagliate le zucchine a rondelle sottili. In un’ampia padella versate abbondante olio d’oliva (circa 2 dita), accendete la fiamma e quando sarà ben caldo friggete le rondelle di zucchine un po’ per volta, saranno pronte quando diventeranno leggermente dorate, asciugatele poi su carta assorbente (Salvatore per controllare la temperatura dell’olio mette nell’olio uno scarto della zucchina, quando frigge a dovere capisce che la temperatura è quella giusta). Mettete a cuocere gli spaghetti in abbondante acqua, scolateli molto al dente, quasi non cotti, e mantecateli in una padella con le zucchine, un po’ di acqua di cottura e un filo d’olio, aggiungete il basilico spezzato con le mani. Spegnete il fuoco e versate la pasta in una boule, aggiungete il provolone e mescolate vigorosamente per far sciogliere il formaggio e creare un sugo cremoso, aggiungete altra acqua di cottura per aiutarvi. Finite con una generosa macinata di pepe e servite.