La versione di Nonna Wanda

Farinata di cavolo nero

Tra le ricette tradizionali in cui utilizzare l’olio nuovo la mia preferita è sicuramente la farinata di cavolo nero, piaceva tantissimo anche alla mia nonnina, che mi ha passato la sua ricetta. Non la preparava spesso perchè per i pranzi della Domenica forse pensava che ci volesse un piatto più ricco, ma durante la settimana zitta zitta scommetto che la mangiava eccome! Nonostante avesse ottimi denti adorava le minestre e le zuppe, e io credo proprio di aver preso da lei. Ah se vi state domandando cosa sia la farinata di cavolo nero, altro non è che una crema morbida di farina di mais e cavolo nero saltato, esaltata alla fine (anzi si potrebbe dire che è l’ingrediente fondamentale!) da un generoso giro di olio nuovo!

dsc_7039

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

200 gr di farina per polenta

2 mazzi di cavolo nero

2 cipolle

1 cucchiaino di peperoncino

olio extravergine d’oliva (per cucinare)

olio nuovo

sale

dsc_7043

PREPARAZIONE

Per prima cosa pulite il cavolo nero liberandolo dalla costa centrale e spezzettatelo grossolanamente. Tritate finemente le cipolle e fatele rosolare dolcemente in una tegame con un giro abbondante di olio (quello dell’anno scorso per cucinare!) e il peperoncino. Unite il cavolo nero e proseguite la cottura per 5 minuti, aggiungete due pizzichi di sale e bagnate con acqua calda fino a coprire il cavolo. Lasciate sobbollire a fiamma bassa per circa 30/40 minuti, aggiungendo altra acqua se necessario e regolate di sale. Alla fine aggiungete la farina di mais facendola cadere a pioggia e mescolate continuamente. Se usate quella istantanea ci vorranno pochi secondi, altrimenti fate cuocere per altri 20 minuti. Ricordatevi che deve essere un piatto cremoso da mangiare al cucchiaio, quindi se vedete che la polenta si addensa troppo aggiungete altra acqua.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply