Browsing Tag

pasta

Pasta Ricette primaverili

PASTA MISTA CON ZUCCHINE, BASILICO E MOZZARELLA

La pasta mista è una vera passione, un comfort food d’eccellenza. L’ideale quando, come oggi, brami i carboidrato con ogni tua fibra. Per il resto la scelta degli ingredienti è stata facile, zucchine da finire in frigo, mozzarella in quantità comprata seguendo l’istinto e basilico per rinfrescare.

dsc_6519

INGREDIENTI PER 2 PERSONE

160 gr di pasta mista

8 zucchine piccole

1 cipollotto bianco

5 foglie di basilico

100 gr di mozzarella di bufala

olio extravergine d’oliva

sale

pepe

dsc_6520

PREPARAZIONE

Tagliate metà delle zucchine a rondelle insieme al cipollotto, mettete queste verdure a stufare in padella con un giro d’olio e un pizzico di sale per circa 10 minuti, aggiungendo mezzo bicchiere di acqua a metà cottura. Poi spostate il tutto nel bicchiere del mini pimer e frullate aggiungendo il basilico e un filo d’olio a crudo. Tenete da parte. Tagliate a bastoncini sottili l’altra metà delle zucchine e fatele rosolare con poco olio nella padella usata precedentemente. Cuocete la pasta al dente e fatela saltare in padella con le zucchine rosolate e 2 cucchiai di crema di zucchine. Sistemate il resto della crema alla base dei piatti, mescolate la mozzarella con la pasta e versatela sopra alla crema, finite con qualche altro cubetto di mozzarella, una macinata di pepe e un filo d’olio.

dsc_6526

Pasta Pillole in cucina

I trucchi per fare la pasta in casa

Ecco tutto quello che c’è da sapere per evitare di fare errori quando fate la pasta.

Per prima cosa considerate 100 gr di farina ogni uovo, ma tenetene sempre una parte da un lato invece di metterla tutta nella fontana, perchè le dimensioni delle uova possono variare, ma ad aggiungere farina siete sempre in tempo, mentre se la pasta è troppo dura è molto più complicato tornare indietro.

Una soluzione ideale per avere un impasto facilmente lavorabile ma una pasta abbastanza ruvida è utilizzare metà farina 00 e metà farina di semola rimacinata, anche il colore sarà di un giallo più intenso. Mentre per quanto riguarda la pasta fatta con più tuorli rispetto agli albumi la faccenda si complica, perchè si lavora con più fatica e sarà meno elastica. Provatela quando sarete già un po’ esperti.

La fontana che farete sul piano di lavoro deve essere molto ampia, scordatevi il cosiddetto vulcano con le uova adagiate sopra, quando inizierete a romperle l’albume scivolerà fuori e dopo sarà tutta una rincorsa in giro per il piano di lavoro.

Iniziate a sbattere le uova con una forchetta finchè l’albume non è più legato, poi iniziate a incorporare farina un po’ alla volta. Quando inizierà a formarsi un impasto usate le mani per formare una palla, non importa se è ancora tutta bitorsoluta e con granelli di farina non incorporati per bene, è solo l’inizio dell’impasto. Infatti un altro trucco a questo punto è tenere la palla da parte, pulire bene il piano di lavoro da tutte le briciole, e lavarsi le mani da i residui di impasto. Questo passaggio serve per evitare che ci siano delle imperfezioni nell’impasto finale (che si formano quando alla palla si attacca un pezzettino di impasto secco) e di conseguenza che non si formino buchi quando la stendete.

A questo punto riprendete la palla informe, cospargete un po’ di farina 00 sul piano e iniziate a lavorarla. E’ importante usare solo la base delle mani e non i polpastrelli, richiudendo l’impasto su se stesso, spingendolo in avanti e non schiacciandolo verso il basso. Più forza metterete nella lavorazione e meno dovrete faticare. Se invece siete delle mezze calze con me ci vorranno circa 10 minuti.

Quando la palla è liscia e omogenea avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigo per una mezz’ora.

Per stendere la pasta il metodo più semplice è la macchinetta a manovella, se invece preferite faticare potete farla con il mattarello. Su internet ci sono diversi tutorial per capire come fare e non sudare troppo senza ottenere grandi risultati.

Per le tagliatelle dovrete cospargere la striscia di pasta con abbondante farina di semola e farla seccare un po’ prima di arrotolarla e tagliarla a striscioline, mentre per la pasta ripiena potete utilizzarla subito, appoggiando il ripieno e richiudendola. L’importante in questo caso è fare attenzione a non lasciare spazi di aria tra il ripieno e la pasta.

Con tutte queste informazioni secondo me riuscirete a fare la pasta in casa senza problemi, non resta che provare!!

Ricette Autunnali Verdure

RAGU’ BIANCO DI FINFERLI

Finalmente è arrivata la stagione dei funghi!! Me li mangerei tutti i giorni, salvo poi ingerire Malox fino a Dicembre…Appena tornata in città mi sono fiondata al mercato di Sant’Ambrogio dal mitico Maurizio e ho fatto incetta, e visto che lui, prendendomi un po’ in giro, si definisce il “Master” dei funghi, aveva una scelta eccezionale. Oltre ai classici porcini, ho comprato i finferli, perfetti per un bel sugo da accompagnare a un bicchiere di vino rosso.Finalmente è arrivata la stagione dei funghi!!

finferli per ragù

INGREDIENTI per 4 persone 500 gr di finferli
2 fette sottili di lardo di colonnata
100 gr di macinato di manzo
mezza cipolla
1 costa piccola di sedano
mezza carota
mezzo bicchiere di brodo vegetale
sale
pepe
vino bianco
qualche ago di rosmarino

soffritto

Sciacquate velocemente i finferli sotto l’acqua corrente per eliminare la terra, asciugateli subito tamponandoli con della carta da cucina e tagliateli grossolanamente. Lavate e mondate le verdure e inseritele nel tritatutto per ottenere un soffritto molto fine, in alternativa e con un po’ di pazienza potete farlo con il coltello. Tritate grossolanamente anche il lardo e mettetelo a sudare in una casseruola, quando sarà sciolto aggiungete il rosmarino e il soffritto, fate rosolare il tutto per cinque minuti circa poi unite anche la carne macinata, lasciate andare per altri due minuti e mettete in pentola anche i finferli, un pizzico di sale e una macinata di pepe, mescolando il tutto. Aggiungete un goccio di vino bianco e fatelo sfumare, poi versate il brodo e fate cuocere a fiamma dolce per venti minuti circa o comunque fino a quando il sugo non sarà più liquido ma cremoso. Nel frattempo buttate la pasta che preferite, scolatela molto al dente e fatela mantecare bene in pentola con il ragù, poi afferrate una forchetta e avventatevi con gioia su questa prelibatezza!